Museo Revoltella
<< elenco notizie

Trieste [18 dicembre 2012]
Dicembre d'arte al Museo Revoltella


Inaugurazione 19 dicembre 2012 - ore 17.30 

Una galleria d’arte moderna quasi completamente rinnovata attende i visitatori di dicembre al Museo Revoltella. I tre piani (quarto, quinto e sesto) in cui si snoda il percorso espositivo che unisce la fine dell’Ottocento agli anni Sessanta del Novecento sono stati riallestiti modificando la collocazione di gran parte delle opere e includendo pezzi provenienti dai depositi e sottoposti a recenti restauri. Nello stesso percorso si incontrano, però, anche tre mostre temporanee, che rappresentano la continuità di un programma avviato già da qualche anno e orientato verso due obiettivi: da un lato la rotazione delle collezioni e l’interdisciplinarità, dall’altro il confronto diretto con l’arte contemporanea, che si inserisce nelle sale del museo sperimentando nuove relazioni con la storia. Si rinnova anche quest’anno, dunque, la felice esperienza di “Corrispondenze d’arte” presentata per la prima volta nel 2011.

Nello stesso tempo altri spazi del museo ospitano alcune mostre di diverse dimensioni raccolte sotto il titolo “Piazza dell’architettura” e proposte dall’Ordine degli Architetti di Trieste.

3 le sezioni in cui si articola il nuovo percorso del museo, tra esposizione permanente e mostre

1.  Laboratorio storico. I capolavori di fine Ottocento.
Il Revoltella, fondato nel 1872, ha una lunga storia alle spalle e fornisce continui spunti di ricerca sulla formazione delle collezioni. Quest’anno, a vent’anni dalla riapertura del museo (1992) avvenuta alla fine di un lungo lavoro di ristrutturazione della sede, viene riproposto e reinterpretato, a cura di Susanna Gregorat, nella sezione dedicata al periodo 1872-1914, l’allestimento con cui furono inaugurati i nuovi spazi del quarto piano, concepito per valorizzare il grande sviluppo dell’istituzione nei primi decenni della sua storia, soprattutto attraverso gli acquisti fatti dal museo alle grandi esposizioni nazionali e internazionali, in primo luogo alla Biennale di Venezia, già alla prima edizione (1895).
 
2. Il museo e la città. Mostra: Arte, architettura e design nella Trieste degli anni Venti e Trenta
La sezione dedicata alla prima metà del ‘900, ospitata come sempre al quinto piano, è stata rinnovata quasi completamente e integrata con un’ampia e preziosa documentazione di fotografie e progetti di opere di architettura degli anni fra le due guerre curata da Susanna Gregorat e Lorenzo Michelli. Ne emerge l’importanza del rapporto fra architetti e artisti, uniti dal comune sforzo di creare la Trieste moderna, ricca di architetture di grande interesse, soprattutto edifici pubblici. Spiccano soprattutto le figure dell’architetto Umberto Nordio e del pittore Carlo Sbisà. Per la prima volta la mostra raccoglie in un percorso unitario arte, architettura, arredamento, fotografia e permette di conoscere documenti d’archivio di notevole importanza conservati nella Fototeca dei Civici Musei di Storia ed Arte e all’Ufficio Tecnico Comunale. Una sala speciale è dedicata al lavoro di Anita Pittoni nel campo dell’arredamento a cura di Michela Messina.
 
3. Revoltella contemporaneo. Mostra: “Contemporaneamente” (Nuove “corrispondenze”)
Il museo è anche un laboratorio per l'arte contemporanea e territorio di ricerca per gli artisti. In questo spirito prosegue anche quest’anno l’esperienza iniziata nel 2011 con la mostra “Corrispondenze d’arte”, che aveva visto quattordici artisti della regione distribuiti in tutti i sei piani del museo (ne rimane testimonianza il catalogo appena uscito, ricco di immagini che esaltano il colloquio tra le opere contemporanee e il contesto storico) e si sviluppa col progetto intitolato “Contemporanemente”, una mostra per certi versi itinerante, nata con l’intento di mettere in rete i musei d’arte contemporanea della regione, e già presentata in due sedi (PArCo di Pordenone e la Galleria Spazzapan di Gradisca d'Isonzo) con allestimenti diversi. La mostra è a cura di Maria Masau Dan, Isabella Reale, Annalia Delneri, Susanna Gregorat, Lorenzo Michelli.Gli artisti partecipanti sono Graziano Negri, Mario Palli e Massimo Poldelmengo che hanno scelto di colloquiare con le opere della collezione permanente esposte al sesto piano, dedicato al secondo ‘900.
 
 
Direzione Civici Musei di Storia ed Arte e Museo Revoltella
Via Diaz, 27 – 34123 Trieste – tel. 040-6754350 / 6754296

 

 




Condividi

<< elenco notizie >> versione stampabile


© 2017 Museo Revoltella, Comune di Trieste, Assessorato alla Cultura