Museo Revoltella


Trieste [25 luglio 2012]
Trieste-Suez. Storia e modernità nel 'Voyage en Egypte' di Pasquale Revoltella
Apre la mostra sul 150° anniversario del viaggio

Dal 25 luglio  al 4 novembre 2012

Quattromila (4.000) miglia invece che diecimila (10.000) per arrivare dall'Europa alle Indie. Centonovantatre (193) chilometri di lunghezza. Questi i principali dati di un'opera che cambiò il corso della Storia e dei traffici commerciali del mondo intero. Stiamo parlando della costruzione del Canale di Suez, a ovest della penisola del Sinai. Trieste, all'epoca della costruzione primo porto dell'Impero austro-ungarico, entrò nel “big game” grazie al barone Revoltella che a Trieste aveva costruito la sua fortuna. Uomo di grandi visioni, intuì come questo progetto avrebbe portato innegabili vantaggi per Trieste e l'Austria per uscire dalla crisi, dalla stagnazione, dalle retrovie europee. Fu un accanito sostenitore di quella che divenne la sua “magnifica ossessione” che non vide mai realizzarsi perchè morì solo due mesi prima dell'inaugurazione.



Da domani sarà aperta al pubblico al Civico Museo Revoltella di Trieste la mostra “Trieste-Suez. Storia e modernità nel ‘Voyage en Egypte’ di Pasquale Revoltella”, che si potrà visitare fino al 4 novembre 2012 (tutti i giorni tranne il martedì, ore 10-19; i giovedì e venerdì fino al 31 agosto con orario 10-23; visite guidate al giovedì e venerdì alle 20 e alle 22).

L’esposizione è stata realizzata per ricordare il 150° anniversario del viaggio compiuto nell’inverno 1861-1862 da Pasquale Revoltella per effettuare un sopralluogo, assieme a una delegazione triestina, al Canale di Suez.. La foto a fianco è uno dei ricordi di quel viaggio conservato nell'archivio del barone.
La mostra, curata da Vanja Strukelj e Luisa Crusvar, con la direzione di Maria Masau Dan e il coordinamento di Susanna Gregorat, si propone di approfondire l’importanza che ebbe questa faraonica impresa per il destino della città e di valorizzare la ricca documentazione sull’argomento presente nelle collezioni del museo, grazie alla quale è possibile cogliere anche il progresso della tecnologia attorno alla metà del secolo XIX e i riflessi della scoperta dell’Egitto nella cultura europea.

Il percorso della mostra
Il percorso si snoda nei tre piani del palazzo che fu l’elegante dimora del finanziere Revoltella, da lui lasciata in eredità alla città perché fosse adibita a “museo di belle arti”. Gli arredi, le opere e gli oggetti che costituiscono l’esposizione permanente sono rimasti al loro posto, ma in ogni sala si sono aggiunti elementi nuovi provenienti dall’archivio o dalla biblioteca o dalle raccolte di altri musei triestini che illustrano i rapporti economici e culturali fra Trieste e l’Oriente, ma documentano soprattutto l’impegno tenace con cui il padrone di casa perseguì lo scopo di sostenere la realizzazione del canale di Suez.
Il percorso segue un andamento cronologico, ma offre al visitatore più di un “link” per entrare a fondo in alcune questioni particolari, sempre per cercare di capire le connessioni tra storia e modernità, fra Oriente e Occidente, fra cultura e affari.

La parola ai protagonisti
Si è cercato di entrare nello spirito dell’epoca utilizzando tutte le fonti reperibili e facendo parlare i protagonisti dei fatti raccontati. In molte sale il visitatore è accompagnato da una voce narrante che legge le lettere che questi si scambiarono o passi di relazioni, diari e articoli. Corre l'anno 1859 quando Revoltella, nella sua veste di Vicepresidente del Consiglio di Amministrazione della Compagnia Universale del Canale di Suez scrive a moltissime personalità. Seduto alla scrivania del suo studio svolge un'intensa azione su più fronti a favore del taglio dell'Istmo di Suez: scrive a Ferdinand de Lesseps, all'olandese Ruyssenaers, a Barthelemey Saint-Hilaire, Al duca d'Albulfera e molti altri ancora. Fittissima la corrispondenza con Victor Weiss Starkenfels, consigliere dell'ambasciata austriaca.

Moderne tecnologie
Numerosi gli interventi audio e video in mostra; spettacolari le grandi videoproiezioni nella Sala Scarpa completamente rivista per questo allestimento che montano immagini di libri, illustrazioni dei periodici del tempo, lettere, scenografie, fotografie portandole fuori dagli archivi, dalle biblioteche e dai musei a disposizione del visitatore. Moderne tecnologie di comunicazione per trasferire contenuti e con l'intento di sottolineare l’analogia fra gli anni di Pasquale Revoltella, dominati dalla fiducia nel progresso della tecnica, nell’illimitata capacità dell’uomo di superare i suoi limiti e dal frenetico dinamismo di una società “universale”, e l’età contemporanea caratterizzata dalla rivoluzione culturale della tecnologia digitale.

Il tema del “viaggio” al centro
Al centro dell’attenzione resta il tema del “viaggio”, che ha offerto il pretesto per trattare il tema di Suez. Viaggio reale, iniziato il 28 ottobre 1861 con il piroscafo del Lloyd Austriaco “Neptun” fino ad Alessandria e proseguito con la ferrovia e in carovana scortata da beduini fino a Suez, per fare ritorno a Trieste – non senza una visita a Gerusalemme alla fine di dicembre – il 2 febbraio 1862. Viaggio che viene puntualmente raccontato nel prezioso “Voyage en Egypte” il diario tenuto giorno per giorno dall’accompagnatore di Revoltella, Luis Corboz.
Ma anche viaggi immaginari, quelli nel passato più remoto compiuti dagli archeologi e dagli esploratori, e viaggi raccontati per immagini dagli illustratori e dai fotografi. Viaggi “diplomatici” nelle capitali europee, Parigi e Vienna, faticosi per l’impegno delle trattative ma anche per le interminabili giornate passate a bordo delle carrozze. Dell’ampia dotazione di vetture a cavalli posseduta da Pasquale Revoltella sembra sia sopravvissuta solo la carrozza che viene esposta per la prima volta in mostra dopo un accurato restauro. Anch’essa è simbolo di una società in movimento che cerca di allargare il suo spazio e di accorciare le distanze.
Magiche illusioni catapulteranno il visitatore nei padiglioni delle Esposizioni Universali del 1851 e del 1867 e nella grande festa di inaugurazione del Canale di Suez nel 1869 quando Ismail Pachà portò l'Europa nel suo paese. Pagina dopo pagina de “L'Inauguration du Canal de Suez. Voyage des souverains” - testo di Nicole e splendide illustrazioni a colori di Riou – seguiamo l'itinerario dei sovrani europei, invitati personalmente dallo stesso vice-re, lungo il canale da Port Said a Suez, la grandiosità dei festeggiamenti, l'opulenza della scenografia. Fiumi di champagne e di Bordeaux, sfilate di regnanti, finte battaglie di beduini, dervishi, mangiatori di serpenti e ballo finale nel Palazzo fatto costruire dal Kedivé in quattro mesi per quell'inaugurazione che Pasquale Revoltella non vide mai perchè morì solo due mesi prima.


… al  Civico Museo di Storia ed Arte - Orto Lapidario
Mostra satellite: “Winckelmann e l'arte presso gli egizi

Ideata come una sezione della mostra “Trieste.Suez” è allestita fino al 15 novembre 2012 (tutti i giorni, tranne il lunedì, dalle ore 10 alle 19) al Civico Museo di Storia ed Arte - Orto Lapidario. L'esposizione si pone come l'antefatto culturale alla conoscenza dell'Egitto e pone l’accento su due delle più importanti sezioni del museo: il monumento o cenotafio di J.J. Winckelmann, inaugurato nel 1833 e vero nucleo intorno al quale vennero riunite le raccolte dei musei civici, e la rinomatissima sezione egizia, ricca di più di un migliaio di reperti dalla terra dei faraoni, un unicum in regione e tra le migliori d'Italia, dopo le raccolte di Torino, Firenze, Bologna e Milano. Ogni domenica alle ore 11.30, visite guidate gratuite a cura del conservatore del Museo di Storia ed Arte, Marzia Vidulli.

Gli eventi collaterali di “Trieste. Suez”
A corollario della mostra sono proposti gli spettacoli teatrali e i laboratori per bambini.

Teatro – Due nuovi spettacoli

Il barone e l'Arciduca. Sogni d'oltremare a Palazzo Revoltella
Dedutta domani (giovedì 26 luglio ore 20.30) lo spettacolo “Il barone e l'Arciduca. Sogni d'oltremare a Palazzo Revoltella”. Dopo “Un caffè con il barone” tornano Davide Del Degan alla regia, Lorenzo Acquaviva e Ivan Zerbinati come interpreti di un testo scritto da Lino Marrazzo. Tornano con una nuova storia e nuovi personaggi per lo spettacolo itinerante di stanza in stanza a palazzo Revoltella. Questa volta gli ospiti incontreranno il barone e l’Arciduca Massimiliano d’Austria. Durante l'incontro Massimiliano avrà l'occasione di raccontare al Barone del suo ultimo viaggio in Brasile, le sue aspirazioni, i suoi tormenti, diviso tra un carattere mite e sensibile e gli obblighi a cui il suo ruolo lo richiamavano. Revoltella renderà partecipe l'Arciduca e il pubblico della straordinaria avventura del canale di Suez e del suo viaggio in Egitto. Un confronto che metterà a nudo due personaggi profondamente diversi, per carattere, indole e visione del mondo, ma accomunati dal volere realizzare i propri sogni.
Massimo 35 persone, prenotazioni allo 040 6754350 o a biglietteria@comune.trieste.it.
Biglietto 10€
Date a luglio: giovedì 26, venerdì 27, sabato 28 ore 20.30. Domenica 29 ore 19.30 e 20.30
Date ad agosto: venerdì 10, sabato 11 doppio spettacolo alle ore 19.30 e 20.30. Domenica 12 agosto ore 20.30. Venerdì 17, sabato 18, domenica 19 doppio spettacolo alle ore 19.30 e 20.30.


Dentro al quadro - Cesare Dell'Acqua: L'arrivo dell'Imperatrice Elisabetta a Miramare
Venerdì 3, sabato 4 e sabato 25 agosto ore 21, dalla penna e per la regia di Lino Marrazzo, con l'allestimento dell'Associazione Musica libera e l'interpretazione di Paola Saitta e Lorenzo Acquaviva, va in scena “Dentro al quadro - Cesare Dell'Acqua: L'arrivo dell'Imperatrice Elisabetta a Miramare”, spettacolo misto video-prosa che si svolge nell'Auditorium del Museo Revoltella. Sissi, chiusa in una stanza del castello di Miramare in attesa che marito e cognato esaurissero i loro impegni istituzionali a Trieste, tra i quali l’invito che ebbe Massimiliano di recarsi a casa del Barone Revoltella, mostrerà l'anima di una donna così lontana nel tempo eppur tanto giovane e attuale nella sua confessione.
Biglietto 10€.


Dedicato ai bambini

Ma che fumetti d'Egitto!
Seguendo le tracce del Barone Revoltella durante il suo viaggio in Egitto, i bambini potranno realizzare le loro storie, illustrare avventurose spedizioni in compagnia di faraoni, le mitiche Piramidi, il magico Nilo, osservare gli obelischi, decifrandone i misteriosi fumetti...I laboratori saranno animati da Carlotta Buiatti attiva a Parigi dove ha lavorato per più di 13 anni alla Walt Disney Company con cui collabora tuttora. Fumetto, disegno, colore, collage, grafica per un'estate all'insegna del divertimento e dell'apprendimento. Dal dal 30 luglio al 3 agosto e dal 6 al 10 agosto, dalle ore 10 alle 13 per bambini dai 6 ai 10 anni e dalle ore 15 alle 18 per bambini dai 10 ai 12 anni. Prenotazioni allo 040/6754350 o 040/6754273.
Trieste, 25 luglio 2012


- - - - - - - - - - - - - - - - -


INFO

Museo Revoltella di Trieste
Via Diaz 27 - Trieste
tel. + 39 040 6754350, biglietteria@comune.trieste.it
Sito web: www.museorevoltella.it
Facebook: www.facebook.com/revoltella
Twitter: @revoltella
Ingresso: € 6,50 intero; € 4,50 ridotto; ridotto speciale gruppi scolastici € 2,70/cad.

Civico Museo di Storia ed Arte - Orto Lapidario 
tel. +39 040 310500 / +39 040 308686, fax +39 040 300687 e-mail: cmsa@comune.trieste.it
Ingresso: € 4 intero - € 3 ridotto


INFO STAMPA
Studio Sandrinelli Srl - Relazioni Pubbliche e Comunicazione
Barbara Candotti (040/362636; 346/9794829; info@studiosandrinelli.com)
www.studiosandrinelli.com

 







© 2012 Museo Revoltella, Comune di Trieste, Assessorato alla Cultura