Museo Revoltella


Trieste [25 febbraio 2010]
Domenica 28 febbraio torna il "Revoltella dei bambini"


Comune di Trieste/Assessorato alla cultura 

Civico Museo Revoltella/Galleria d’arte moderna

Il Revoltella dei bambini

Tornano gli appuntamenti del Museo Revoltella riservati ai più piccoli (Terza edizione)

FUTURISTICHERIE DEI BAMBINI”

dal 28 febbraio al 28 marzo 2010

 

Tornano, a partire da domenica 28 febbraio, gli appuntamenti de “Il Revoltella dei bambini” con nuovi laboratori ispirati alla mostra “. Futuristicherie. Giorgio Carmelich. Viaggi d’arte fra Trieste, Roma e Praga”, allestita nella sala Scarpa del museo.

Orari e fasce d’età

I laboratori, della durata di due ore circa, sono organizzati alla domenica, al mattino e al pomeriggio, e divisi in due fasce d’età:

ore 10-12 per bambini dai 7 ai 10 anni

ore 16-18 per bambini dai 4 ai 6 anni (accompagnati da adulti)

Le attività

Guidati dall’operatrice didattica Serena Paganini, i bambini partecipano a diverse attività: innanzitutto vengono condotti a visitare la mostra, dove scoprono che cos’è il Futurismo e come si riconoscono le opere futuriste; possono vedere dal vivo dipinti, disegni, stampe, collage, manifesti, libri ma ricevono anche delle schede che riproducono alcuni capolavori del Futurismo, e assistono a una breve proiezione. Nella seconda parte realizzano a loro volta un’opera futurista: potrà essere un manifesto, un collage, una poesia, una scenografia, un libretto, ecc

Gli accompagnatori

Genitori e nonni che accompagnano i più grandi (laboratori del mattino) e rimangono in museo possono scegliere tra varie possibilità: visitare la mostra e il museo, usufruire delle visite guidate gratuite (ore 11) e, nelle domeniche in cui l’auditorium ospita una “mattinata musicale” seguire la visita guidata delle 10 e, alle 11, il concerto.

Prenotazioni

La partecipazione ai laboratori è su prenotazione telefonica (040-6754350) ed è garantita per minimo 5 e massimo 12 bambini per gruppo. In caso di ulteriori richieste, si potranno ripetere gli stessi laboratori il sabato successivo.

Biglietto d’ingresso:

bambini 4,50 Euro / accompagnatori 6,50 Euro intero; 4,50 Euro ridotto

 

Calendario dei laboratori “FUTURISTICHERIE DEI BAMBINI”:

 

Domenica 28 febbraio 2010 ore 10 e ore 16

I manifesti dei bambini. Partendo dal cartellone realizzato da Giorgio Carmelich, a diciassette anni, per la “Prima Mostra Goriziana di Belle Arti” che raffigura una ragazza di profilo, sullo sfondo di un interno, e contiene  il tipico motivo “a saetta” di Fortunato Depero, i bambini, aiutati dalla guida, penseranno a un prodotto da pubblicizzare e troveranno carta e colori per disegnare il loro personalissimo cartellone!

Domenica 7 marzo 2010 ore 10 e ore 16

“E” come Epeo. Inventiamo un libretto!

Ancora liceali, Giorgio Carmelich e il suo amico Emilio Mario Dolfi realizzavano in casa piccoli libri di poesie, e fecero persino una rivista, “Epeo”, con i disegni di Giorgio e le poesie e gli articoli di Emilio. I bambini che partecipano al laboratorio hanno a disposizione tutti gli strumenti per confezionare un libretto, pensando ai testi, alla copertina, ai disegni e alla rilegatura. Anche i più piccoli avranno la possibilità di realizzare il loro libro, con schede, disegni da colorare.

Domenica 14 marzo 2010 ore 10 e ore 16

Il collage. Dipingiamo con la carta e SIAMO anche noi pittori futuristi!

Inventato dai cubisti, in particolare da Pablo Picasso, Georges Braque e Juan Gris nel 1912-13, il collage, tecnica artistica che consiste nell’incollare pezzi di carta, ritagli di giornale e altro su un fondo, fu ripresa dai futuristi, come vedremo grazie alle opere di Fortunato Depero e Giorgio Carmelich presenti nell’esposizione. I piccoli partecipanti al laboratorio potranno sperimentare questa tecnica con carte colorate, colla e forbici, naturalmente sotto il controllo dell’operatrice.

Domenica 21 marzo 2010 ore 10 e ore 16

BALLETTO E POESIa nel teatro deL colorE

La mostra “Giorgio Carmelich. Futuristicherie” offrirà lo spunto per scoprire gli spettacoli che venivano organizzati dai futuristi, le loro poesie e le coloratissime scenografie, completamente nuove rispetto a quelle tradizionali. I bambini scopriranno quanto fu importante e rivoluzionario il teatro futurista.

Domenica 28 marzo ore 10 e ore 16

I pastelli di Giorgio. Dopo avere abbandonato il Futurismo, Giorgio Carmelich scoprì la poesia del pastello e sperimentò intensamente questa tecnica. Molti paesaggi sono ispirati da angoli di Trieste, altri sono vedute di Praga dove visse qualche tempo. L’ultimo laboratorio futurista sarà dedicato al pastello e agli scorci cittadini.

 

Civico Museo Revoltella   Via Diaz, 27 – 34123 TRIESTE -  

revoltella@comune.trieste.it /  www.museorevoltella.it

in collaborazione con Paganini Arte paganiniarteposta@alice.it







© 2010 Museo Revoltella, Comune di Trieste, Assessorato alla Cultura