Museo Revoltella
<< elenco notizie

Trieste, Museo Revoltella [28 luglio 2004]
mostra "Soraya. Abiti di un mito"


Soraya. Abiti di un mito 29 luglio ñ 26 settembre Museo Revoltella ñ Palazzo baronale L’idea di questa mostra è nata in seguito alla scoperta di una collezione triestina di abiti della principessa Soraya e dalla curiosità di mettere a confronto gli abiti di una protagonista delle cronache mondane degli con quelli delle donne comuni contemporaneamente presentati nella sede di Palazzo Costanzi, dove è aperta la rassegna “Moda anni cinquanta in passerella”. Nelle lussuose sale del palazzo Revoltella, in un’atmosfera particolarmente adatta al ricordo di una donna che ha vissuto tutta la vita tra le cose belle, sono stati distribuiti ventidue abiti acquistati dalla signora Laura Pizzari, imprenditrice triestina, appassionata collezionista di rarità, in occasione dell’asta tenutasi a Parigi alla fine di maggio del 2002, otto mesi dopo la morte della principessa. Si tratta di abiti di alta sartoria, alcuni dei quali prodotti da grandi case di moda come Christian Dior, Valentino, Escada e Roberto Cavalli, che appartengono a diversi momenti della sua vita e sono stati usati in varie circostanze a partire dagli anni cinquanta fino a tempi più recenti: sono abiti da cocktail e da sera, pellicce e stole, ma anche abiti estivi in cotone e vestaglie da casa. Il gusto della principessa era per lo più indirizzato a tessuti preziosi, colori vivaci e ricami molto elaborati. Ammirata per la sua straordinaria bellezza, rappresentÚ anche un modello di eleganza per molte generazioni di donne che leggevano appassionatamente sui rotocalchi le sue tristi vicende sentimentali. Una mostra diversa dal solito, dunque, che puÚ suscitare attenzione non solo per la qualità degli abiti esposti, veri capolavori sartoriali, ma anche come pretesto per richiamare alla memoria tempi, personaggi e avvenimenti che ormai si collocano nella dimensione del mito.



Condividi

<< elenco notizie >> versione stampabile


© 2018 Museo Revoltella, Comune di Trieste, Assessorato alla Cultura