Museo Revoltella
<< elenco appuntamenti

Trieste [18 gennaio 2013, ore 11.00]
Domanica 20 gennaio concerto del Trio des Alpes


 
MATTINATE MUSICALI INTERNAZIONALI
DODICESIMA EDIZIONE
Domenica 20 gennaio 2013
 
Trio des Alpes
 
Mirjam Tschopp violino e viola
Claude Hauri violoncello
Corrado Greco pianoforte
 
PROGRAMMA
Martin Wettstein      „Alpentangomania“
1970
 
Leonard Bernstein    Trio
1918-1990
 
Johannes Brahms   Trio in la minore op. 114
1833 – 1897               versione originale per viola, violoncello e pianoforte                                   
                                               Allegro
                                               Adagio
                                               Andantino grazioso, trio
                                               Allegro
 

Il "Trio des Alpes", sin dalla sua creazione nel novembre 2010, si è già esibito con successo in molti concerti, suscitando vivissimi consensi. I programmi musicali abilmente congegnati e spesso a tema sono il segno distintivo del complesso ancora giovane ma già acclamato. Nel 2012 il Trio si produce in una serie di concerti prestigiosi in Francia, Italia, Spagna, Slovenia e Svizzera. Tutti e tre i componenti affiancano al loro impegno in Trio le loro carriere di solisti, cameristi e professori di Conservatorio.

 

Mirjam Tschopp – Violino e viola.
Fin dal debutto da solista a tredici anni, Mirjam Tschopp (nata a Zurigo nel 1976) ha iniziato una intensa carriera internazionale sia in qualità di violinista che di violista, riservando uguale importanza a entrambi gli strumenti nella sua attività professionale. Suona come solista con orchestre rinomate e allo stesso tempo coltiva con grande passione la pratica della musica da camera, mettendosi in luce come componente di ensemble quali quelli di Anne-Sophie Mutter e Josef Suk. Ha suonato al Concertgebouw di Amsterdam, alla Wigmore Hall di Londra, alla Kosciuszko Foundation di New York, alla Filarmonica di Colonia, alla Sala Glazunov di San Pietroburgo, al Rudolfinum di Praga, alla Tonhalle di Zurigo e nei Festival di Lucerna, Verbier e Gstaad. Il suo interesse si concentra particolarmente sulla musica degli ultimi cento anni e le sono state dedicate numerose composizioni. Nel 2003 ha eseguito in prima assoluta il Terzo Concerto per violino di Nicolas Bacri con la WDR Symphony Orchestra sotto la direzione di Semyon Bychkov. I suoi CD dei concerti per violino e viola di Ahmed Adnan Saygun hanno ottenuto recensioni entusiastiche da parte dei media internazionali. Vincitrice assoluta dell’edizione del 2000 del Rostal Viola Competition di Berlino e del Premio “Swiss Ambassador”, ha studiato violino con Aïda Stucki e Franco Gulli e viola con Christoph Schiller. Insegna violino e viola al Tiroler Landeskonservatorium di Innsbruck, è attivamente coinvolta nel progetto educativo “Rhapsody in School” ed è membro di giuria in diversi concorsi.

 

Claude Hauri inizia giovanissimo lo studio del violoncello con il maestro Taisuke Yamashita che lo accompagna fino al diploma, ottenuto presso il Conservatorio a Lugano. Prosegue poi gli studi con Raphael Wallfisch, con il quale ottiene il diploma di perfezionamento alla Musikhochschule di Winterthur, Alain Meunier e Zara Nelsova. Violoncello solista dell’Ensemble Nuovo Contrappunto di Firenze e dell’Ensemble Algoritmo di Roma, ha suonato come primo violoncello nella Youth World Orchestra della Jeunesses Musicales. Quale solista e in gruppi da camera svolge un’intensa attività concertistica che lo vede esibirsi intensamente in tutta Europa, in Australia e in Sud America in festival quali Amici della Musica di Palermo, Biennale di Venezia, Unione Musicale di Torino, Associazione Musicale Lucchese, National Academy Melbourne, Concerti al Quirinale a Roma, Musica Insieme di Bologna, Teatro El Circulo a Rosario, Foundacion Kinor Buenos Aires, Festival Lubjiana, Festival Nancy.
In qualità di solista con orchestra si é esibito negli ultimi anni con numerose orchestre, tra cui l’Orquesta Sinfonica Nacional Argentina, sotto la direzione di direttori quali Piero Gamba, Reinaldo Zemba e Luis Gorelick.
Dedica particolare attenzione al repertorio contemporaneo. Moltissime le prime esecuzioni, spesso a lui dedicate, e le collaborazioni con compositori quali S.Sciarrino, L.De Pablo e P.Glass, per citarne solo alcuni. Numerosi i concerti trasmessi in diretta radiofonica per emittanti quali SSR RSI, DRS, RAI e incisione discografiche edite da Amadeus, Jecklin, Nuova Era, Szene Schweiz. L’ultima pubblicazione discografica (gennaio 2012) lo vede impegnato con la violinista Bin Huang (Brilliant Classics). Suona uno splendido violoncello di Gian Battista Zanoli, liutaio italiano del ‘700.
 
 
Corrado Greco si è diplomato in pianoforte a diciannove anni col massimo dei voti e la lode presso l’Istituto “Bellini” di Catania, perfezionandosi con Alberto Mozzati e a lungo con Bruno Canino.
Ha completato la sua formazione accademica al Conservatorio di Milano, dove si è diplomato a pieni voti in Composizione e in Musica Elettronica, e dove ora insegna come docente titolare.
Premiato in importanti concorsi pianistici nazionali ed internazionali, suona stabilmente come solista e con orchestra per importanti istituzioni musicali italiane e all’estero.
Intensa la sua attività cameristica: vanta collaborazioni con gruppi da camera e solisti di fama quali Mario Ancillotti, Arturo e Rodolfo Bonucci, Mario Caroli, Massimo Quarta, Giovanni Sollima, Tatjana Vassiljeva, Lorna Windsor. Come pianista del Trio des Alpes suona abitualmente per le più importanti istituzioni musicali europee.
Negli ultimi anni ha via via intensificato la sua presenza internazionale esibendosi con successo in Lorena (Festival di Nancy), Provenza, Russia (Teatro Hermitage di S. Pietroburgo), Slovenia (Festival di Lubjana), Croazia, Portogallo, Svizzera, Egitto, Etiopia, Indonesia, Belgio e Spagna (Festival di Murcia); ha suonato nella Conway Hall a Londra e ha effettuato due tournée in Giappone.
Recentemente ha tenuto alcuni applauditissimi concerti a due pianoforti con Bruno Canino, ha eseguito il Concerto di Chausson per Milano Classica, il Primo Concerto di Šostakovič con l’Orchestra da Camera di Praga e il Quintetto di Dvorak con l’Amarcord Quartett Berlin (componenti dei Berliner Philharmoniker); ha eseguito il Triplo Concerto di Beethoven nella Sala Filarmonica di Trento, è stato invitato da importanti Università americane (Northwestern, UMBC) a tenere masterclass e concerti.
Ha registrato per la Radiotelevisione italiana ed è stato invitato due volte a suonare con Rodolfo Bonucci in diretta Euroradio per i prestigiosi “Concerti del Quirinale” di RadioTre.
Nel 2004 gli è stato conferito il Premio Internazionale Sicilia – Il Paladino.

 

 

PROSSIMO APPUNTAMENTO:
 
3 febbraio 2013 – Ore 20.30
Nuova orchestra da camera “Ferruccio Busoni”
Massimo Belli, direttore.
Roberto Plano, pianoforte
Musica di Andrea Luchesi in prima esecuzione moderna




Condividi

<< elenco appuntamenti >> versione stampabile


© 2013 Museo Revoltella, Comune di Trieste, Assessorato alla Cultura