Museo Revoltella


Trieste [29 gennaio 2012, ore 11:00]
Ultima mattinata musicale d'inverno. Dedicata a Schumann


MATTINATE MUSICALI INTERNAZIONALI
DOMENICA 29 GENNAIO ORE 11
Auditorium del Museo Revoltella, via Diaz 27 Trieste
 
Yuval Gotlibovic   viola
Andrea Rucli pianoforte

Programma
ROBERT SCHUMANN      
Märchenbilder op. 113
Nicht schnel
Lebhaft
Rasch
Langsam, mit melanchilischem Ausdruck

ROBERT SCHUMANN 
Stücke im Volkston op. 102
Mit humor
Langsam
Nicht schnell, mit viel Ton zu spielen
Nicht zu rasch

ROBERT SCHUMANN 
Phantasiestücke op. 73
Zart und mit Ausdruck
Lebhaft, leicht
Rasch mit Feuer

ROBERT SCHUMANN 
Drei Romanzen op. 94
Nicht schnell
Einfach, innig
Nicht schnell

ROBERT SCHUMANN 
Sonata in la minore op. 105
Mit leidenschaftlichem Ausdruck
Allegretto
Lebhaft 

Curricula
Yuval Gotlibovic violista. Vincitore di numerosi concorsi intenazionali, l'israeliano Yuval Gotlibovich è uno dei violisti più richiesti della sua generazione. Tra le competizioni ricordiamo i primi premi nell' VIII concorso internazionale Lionel Tertis, nel concorso Aviv nel 2004 in Israele e nel Certamen Americano di Musica da Camera Fischoff.
Come concertista Yuval svolge una serrata attività in Europa, negli USA, in Canada e Israele, in sale quali la Wigmore Hall a Londra, la Tel-Aviv Opera House e il Kennedy Center a Washington. Come solista ha suonato l'Orchestra Sinfonica di Gerusalemme, I Solisti di Tel Aviv, l' Orchestra da Camera Ostrobothnian e la Texas Festival Orchestra. Come camerista collabora con rinomati artisti tra cui: Menachem Pressler, Marc André Haemlin, George Pludmahcer, Nobuko Imai e Janos Starker. Ha registrato per radio e televisioni quali BBC - Regno Unito, CBC - Canada, IBA - Israele, FRA - Francia, Deutschlandfunk – Germania e NPR – E.E.U.U. Yuval ha una particolare predisposizione per la musica contemporanea, lavorando con l'Ensemble Modern di Frankfurt, l' Ensemble Callisto a Chicago, l'Ictus di Bruxelless, “21” in Israele assieme a compositori come Krzysztof Penderecki, Henri Deutilleux e György Kurtag. Compositori come Alexandre Eisenberg e Justin Merritt gli hanno dedicato dei concerti per viola. E' regolarmente invitato in importanti festival cameristici tra cui Kuhmo in Finlandia, Round Top in Texas, Giverny e Vilefavard in Francia e nei congressi mondiali di viola. Yuval Gotlibovich è stato professore di viola nella Università di Indiana dal 2004 al 2008. Attualmente insegna al Conservatorio Superior del Liceu a Barcellona ed è professore principale nel Conservatorio di Lugano (Svizzera).
Andrea Rucli, pianista, si è diplomato al Conservatorio “L.Cherubini” di Firenze con il massimo dei voti e la lode sotto la guida di  M°Alessandro Specchi. Vincitore in numerose competizioni pianistiche di primi e secondi premi – concorsi di Alberga, Como, Aversa ecc.- , suona da più di venticinque anni sia come solista che in svariate formazioni cameristiche, collaborando con figure di primo piano del concertismo. E’ stato prima allievo, poi partner in duo pianistico e assistente per più di 10 anni, del pianista russo Konstantin Bogino, mentre ora continua da diversi anni un sodalizio di arte e amicizia pianamente soddisfacente con il violista e compositore Vladimir Mendelssohn. Ha partecipato a prestigiosi festival di musica da camera, tra cui quelli di Portogruaro (per nove anni di cui sette anni consecutivi), della Settimana Musicale al Teatro Olimpico di Vicenza, di Kuhmo in Finlandia (dove sarà ospite nel 2012 per l'ottava volta), della Società della Musica da Camera al Teatro dell’Ermitage di San Pietroburgo, del Sound Jerusalem in Israele, del Festival Pontino, del Cantiere di Montepulciano ecc. Ha registrato in cd brani cameristici di E. Chausson con i Cameristi di Verona, Le Danze Slave e le Leggende di Dvorak a 4 mani assieme al M°Bogino, in prima assoluta un quartetto di Daniele Zanettovich. le due sonate di Robert Schumann e le romanze di Clara Wieck, assieme al violinista Lucio Degani e in prima mondiale opere per pianoforte e per musica da camera della compositrice russa Ella Adaiewsky, frutto di un  lavoro di riscoperta promosso dall’Associazione Sergio Gaggia, di cui si sono occupati anche la rivista Amadeus e a più riprese Radio 3 Suite.Nel  giugno 2011 è uscito un altro cd con opere della compositrice russa per la prestigiosa etichetta DYNAMIC. Nel gennaio 2010 si è esibito per i “Concerti del Quirinale” in diretta radiofonica sul III canale RAI ed in circuito Euro Radio con un’altra produzione della Gaggia, “La Pantomima Rinata”, ricostruzione musicale di Vladimir Mendelssohn della Pantomima k446 di W.A.Mozart, con una commedia dell'arte appositamente scritta da Quirino Principe. E’ stato giovanissimo di concorso ministeriale, presso il Liceo Musicale Pareggiato “G.Puccini” di Gallarate per l’insegnamento di pianoforte principale.

Ne è passata di acqua sotto i ponti da quando i violisti dell'orchestra di Haydn erano per lo più i cornisti in età di pensione, che lasciavano il faticoso strumento a fiato per passare a quello ad arco... Se Schumann potesse sentire il livello raggiunto dai violisti  al giorno d'oggi, sarebbe crediamo ben felice di ascoltare con quel meraviglioso timbro i suoi brani originariamente pensati per clarinetto e oboe e gli altri strumenti ad arco.

Comune di Trieste                                                          
Assessorato alla Cultura                                                   
Civico Museo Revoltella                                                                                                                                                                                                                                                                                             
Galleria d’arte moderna
                                                   
In collaborazione con
Nuova Orchestra “Ferruccio Busoni”

Con il contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Assessorato alla Cultura
Provincia di Trieste
Fondazione de Claricini Dornpacher
Banca Popolare Friuladria-Credit Agricole
                                

 







© %ANNO% Museo Revoltella, Comune di Trieste, Assessorato alla Cultura