Museo Revoltella


Trieste [13 novembre 2011, ore 11:00]
Domenica 13 novembre seconda mattinata musicale


Il 13 novembre alle ore 11.00 per le Mattinate Musicali al Museo Revoltella, organizzate dall’orchestra Busoni, si svolgerà il concerto “STORIA DI DANDULA LA CAPRICCIOSA CORRETTA” con musica di W.A. Mozart, G. Rossini, A . Ros(s)etti, F. Bianchi

Interpreti
Susanna Armani soprano, Claude Padoan corno, Bruno Volpato pianoforte e Paolo Cattelan voce narrante

Storia di Dandula  la capricciosa corretta
Questo concerto permette di scoprire una inedita frase di Storia e di storia della musica e pone giocosamente un drammatico enigma: fu Dandula, alias Elisabetta Maffetti, già ospite di Mozart  a Venezia nel 1771, una “capricciosa corretta” dal suo anziano e cornuto marito? Fu una meretrice veneziana, una Messalina, oppure una donna contro, indomita ribelle allo sciovinismo sessista degli Inquisitori di Stato? Chi fu veramente Dandula? E come mai, proprio in parallello alla sua vera storia, dalla penna di un poeta veneziano, Caterino Mazzolà, intimo amico di Lorenzo Da Ponte e collaboratore di Mozart, spunta un soggetto operistico che farà furore tra Sette e Ottocento? Mazzolà l’intitolerà per Dresda nel 1788 Il turco in Italia, ma già a Londra Da Ponte conierà il nuovo fatidico titolo: La capricciosa corretta. A Milano nel 1814 Felice Romani, plagiando Mazzolà per Rossini, tornerà al titolo esotico, ma a Roma, pur restando pressoché uguale l'opera di Rossini, forse per mettere un po’ più di “pepe” in cartellone, si scambieranno nuovamente questi titoli: Il turco in Italia e La capricciosa corretta. Ma, intanto, tutt’intorno a Rossini assistiamo a un vero profluvio di Capricciose a volte corrette, ma a volte anche pentite...  Dandula è quindi un viaggio con il futuro alle spalle nella storia e nella musica in compagnia dell’affascinante vocalità di Mozart e di Rossini, della ricerca musicologia, di importantissimi quanto misconosciuti compositori come Francesco Bianchi dominatore dell’agone operistico internazionale alla fine del secolo XVIII, o come Rosetti o forse Rossetti, Antonio Rossetti, già forse “barbaro amante” di Dandula, l’enigmatico musicista che da decenni la musicologia si sforza di far uscire da una pertinace ambivalenza biografica, cercando la certezza di un nome, un atto di nascita, una nazionalità?

Le Mattinate si svolgono grazie alla collaborazione col Museo Revoltella della Nuova Orchestra da camera “Ferruccio Busoni” e al sostegno del Comune di Trieste, la Provincia di Trieste e la Banca Popolare Friuladria.
Alla fine del concerto gli artisti e il pubblico si incontreranno per un brindisi con i famosi vini della Fondazione de Claricini.
Biglietto unico di ingresso al Museo Revoltella Euro 6,50.

 







© %ANNO% Museo Revoltella, Comune di Trieste, Assessorato alla Cultura